Operazione Antidroga Smantella Traffico di Telefoni Cellulari in Carcere a Terni

Gli investigatori della Polizia Penitenziaria hanno scoperto una rete di traffico di telefoni cellulari e droga all’interno di un carcere di media grandezza a Terni. Nel giugno 2022, è stato intercettato un drone che trasportava due telefoni cellulari e droga verso una delle finestre della struttura carceraria di Sabbione. Sei mesi dopo, a dicembre, la stessa dinamica si è ripetuta.

La consegna dei dispositivi avveniva non solo a Terni, ma anche in altri diciotto tra i principali carceri d’Italia. Questa attività è stata smantellata dalla procura di Napoli in un’operazione congiunta con il Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria, la Polizia di Stato e il Ros dei Carabinieri. L’operazione ha portato all’emissione di 32 misure cautelari in carcere con l’accusa di associazione per delinquere di stampo camorristico finalizzata al traffico di stupefacenti.

Il capo dell’organizzazione era stato individuato dai mesi scorsi a Melfi, dove è stato arrestato in flagrante mentre si serviva di un drone modificato per trasportare pesi e violare le no fly zone. Gli esperti del Ros dei Carabinieri sono riusciti a isolare i tracciati del drone e a individuare le consegne effettuate nei mesi successivi presso i penitenziari di tutta Italia.

A Terni, un detenuto campano già condannato per associazione di tipo camorristico si occupava degli ordini e delle consegne all’interno della struttura carceraria. La rete aveva un tariffario preciso con prezzi che variavano da migliaia di euro a seconda del tipo di richiesta, che potesse essere droga, telefonini o persino una pistola.

Condividi sui social

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *