Chiusa Residenza per Anziani a Terni: Gravi Irregolarità nella Gestione

Una struttura residenziale per anziani autosufficienti a Terni è stata chiusa dall’amministrazione comunale a seguito di gravi irregolarità e violazioni nel modo in cui i servizi erano gestiti. Il provvedimento di revoca dell’autorizzazione al funzionamento è stato preso dopo numerosi sopralluoghi, effettuati anche in presenza dei rappresentanti della Usl e del comando carabinieri per la tutela della salute.

La decisione di chiudere la struttura nella zona di Marmore è stata motivata dalle gravi irregolarità nella gestione dei servizi e dalle persistenti violazioni del regolamento regionale. La prassi prevede ora che l’atto di revoca venga trasmesso al gestore della struttura, il quale dovrà preparare un piano di trasferimento degli ospiti in accordo con familiari, Usl e Comune. Il trasferimento degli anziani ospiti dovrà essere completato entro 60 giorni, con particolare attenzione alle fragilità delle persone coinvolte.

L’assessore al welfare, Viviana Altamura, ha sottolineato l’importanza dei sopralluoghi di monitoraggio nelle strutture per anziani autosufficienti, che servono a verificare il rispetto della normativa e delle autorizzazioni rilasciate dall’ente. Durante i monitoraggi, la commissione è accompagnata da referenti della Usl che controllano la salute generale degli anziani e il loro grado di autosufficienza, elemento cruciale per la permanenza nelle strutture.

Altamura ha ringraziato la direzione welfare e gli uffici per la loro attenzione scrupolosa nel preservare la salute dei più fragili, e ha espresso gratitudine alle forze dell’ordine e alla Usl per la pronta collaborazione.

Condividi sui social

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *