Arrestato Agente della Polizia di Stato a Terni per Estorsione

Un agente della polizia di Stato in servizio presso la questura di Terni, identificato con le iniziali T.C., è stato arrestato venerdì scorso dalla squadra Mobile di Terni. L’arresto è avvenuto su ordine del giudice e in seguito alle indagini condotte dalla procura della Repubblica, guidata dal pm Marco Stramaglia. L’accusa mossa contro l’agente, descritto come “un tecnico” da fonti della questura, è estorsione.

Secondo le prime informazioni riportate dal sito web Umbria24, l’uomo, con diversi procedimenti disciplinari alle spalle, operava nell’ambito dei ruoli tecnici, occupandosi della gestione dei veicoli di servizio presso gli uffici di via Antiochia. L’indagine, protrattasi per diversi mesi, ha rivelato che i fatti contestati non sono direttamente collegati alla sua attività d’ufficio.

La misura applicata nei confronti dell’agente è quella degli arresti domiciliari. L’indagine è scaturita da una denuncia presentata da una donna di origini straniere, la quale avrebbe sostenuto di aver consegnato all’agente una somma considerevole, approssimativamente 30.000 euro, in cambio di favori mai ottenuti. Gli inquirenti sostengono che l’agente avrebbe ingannato la donna, vantando contatti e conoscenze nell’ambito della polizia di Stato, al fine di ottenere il denaro.

Le indagini sono state supportate da intercettazioni telefoniche autorizzate dal pm. L’interrogatorio di garanzia per l’agente T.C. è programmato per giovedì 14 marzo di fronte al giudice. La vicenda sottolinea la complessità delle indagini e la necessità di affrontare situazioni di malaffare anche all’interno delle forze dell’ordine.

Condividi sui social

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *